ELEZIONI COMUNALI 2009 – A BARI SI RITORNA AL VOTO

Spoglio quasi concluso, a Bari si ritorna al voto per il ballottaggio.
Il candidato sindaco Michele Emiliano del Pd raggiunge il 49,01% il candidato del centro destra Simeone Di Cagno Abbrescia 46,5% Mario Russo Frattasi 3,22% candidato di Udc e Io Sud.

Per vedere la lista completa delle percentuali di voto, clicca su bari-elezioni-comunali tratto dal sito del ministero dell’interno.

Nei comuni superiori ai 15.000 abitanti, il Sindaco e i Consiglieri comunali vengono eletti attraverso l’utilizzo del sistema proporzionale.
Il sindaco viene proclamato al 1° turno nel caso in cui i voti a lui assegnati superano il 50% oppure al 2° turno(ballottaggio).

L’assegnazione dei seggi alle liste viene effettuata dopo la proclamazione del Sindaco utilizzando il sistema proporzionale con l’assegnazione di un premio di maggioranza.

Questi i casi che si possono verificare:

Elezione del Sindaco al 1° turno

1 Il candidato Sindaco e la lista o il gruppo di liste ad esso collegate superano il 50% dei voti validi.
In questo caso verrà attribuito alla lista o al gruppo di liste collegate un premio di maggioranza fino alla concorrenza del 60% dei seggi.

2 Il candidato Sindaco supera il 50% dei voti, ma la lista o le liste collegate non superano il 50%.
In questo caso si ha solo il riparto dei seggi con il sistema proporzionale (metodo d’Hondt, basato sul sistema dei divisori successivi).

3 La lista o le liste collegate al candidato Sindaco superano il 60% dei voti validi.
In questo caso l’assegnazione dei seggi avviene con il sistema proporzionale, senza alcun premio.

Elezione del Sindaco al 2° turno

Alla lista o al gruppo di liste collegate al candidato Sindaco eletto che non abbia conseguito almeno il 60% dei seggi del Consiglio, viene assegnato il 60% dei seggi. (sempre che nessuna lista o altro gruppo di liste abbia superato, nel primo turno, il 50% dei voti validi.)
I restanti seggi vengono assegnati
alle altre liste secondo il sistema proporzionale (metodo dei divisori successivi).

Comitato San Giorgio Bari
http://comitatosangiorgiomare.myblog.it/

ELEZIONI EUROPEE 2009 – risultati definitivi e seggi previsti

Concluso lo spoglio per le elezioni europee.

Il Pdl raggiunge il 35% la Lega sopra il 10%, il Pd (26%) Italia dei Valori arriva all’8%.
Con questi dati l’Italia si allinea al resto dell’Europa in cui avanzano le destre.

Ai fini dell’elezione dei 72 membri europei spettanti all’Italia, il territorio nazionale è stato suddiviso in cinque circoscrizioni territoriali (Italia nord-occidentale, Italia nord-orientale, Italia centrale, Italia meridionale, Italia insulare). La ripartizione dei seggi è stata effettuata dividendo il numero degli abitanti della Repubblica per il numero dei rappresentanti spettanti all’Italia e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione.
In particolare spettano:
• Italia nord-occidentale 19 seggi;
• Italia nord-orientale 13 seggi;
• Italia centrale 14 seggi;
• Italia meridionale 18 seggi;
• Italia insulare 8 seggi.

Di seguito si pubblicano i risultati elettorali, tratti dal sito del ministero dell’interno, con i relativi seggi previsti.

Seggi-italia

Seggi-italiameridionale IV CIRCOSCRIZIONE.

Comitato San Giorgio Bari
http://comitatosangiorgiomare.myblog.it/

COME SI VOTA A BARI – Elezioni del 6-7 giugno 2009

Sabato 6 giugno, dalle ore 15.00 alle ore 22.00, e domenica 7 giugno, dalle ore 7.00 alle ore 22.00, si svolgeranno le operazioni di voto per le elezioni dei 72 membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, dei presidenti e dei consigli di 62 province e dei sindaci e dei consigli di 4.281 comuni (di cui 30 capoluoghi di provincia).

Lo scrutinio dei voti per il Parlamento europeo inizierà a partire dalle ore 22.00 di domenica 7 giugno, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti; lo scrutinio per le consultazioni amministrative avrà inizio alle ore 14.00 di lunedì 8 giugno, dando la precedenza allo spoglio delle schede per le elezioni provinciali, comunali e, eventualmente, circoscrizionali.
In caso di ballottaggio per l’elezione dei presidenti di provincia e dei sindaci – che si svolgerà contemporaneamente alla consultazione referendaria – si voterà domenica 21 giugno, dalle ore 8.00 alle ore 22.00, e lunedì 22 giugno, dalle ore 7.00 alle ore 15.00. Le operazioni di scrutinio avranno inizio nella stessa giornata di lunedì, al termine delle votazioni e dell’accertamento del numero dei votanti, procedendosi prima alle operazioni di scrutinio delle schede referendarie e successivamente, senza interruzione, a quelle per l’elezione dei presidenti delle province e/o dei sindaci.

COME SI VOTA:
Gli elettori baresi riceveranno quattro schede:

1) ELEZIONI EUROPEE (scheda arancione)
Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa, un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.
I voti di preferenza;nel numero massimo di 3, si esprimono scrivendo nelle apposite righe tracciate a fianco e nel rettangolo contenente il contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti, compresi nella lista medesima.
Non è ammessa l’espressione del voto di preferenza con indicazioni numeriche.

2) ELEZIONI PROVINCIALI (scheda gialla)
Ciascun elettore può votare:
• per uno dei candidati al consiglio provinciale, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di consigliere provinciale, sia al candidato alla carica di presidente della provincia collegato;
• per uno dei candidati alla carica di presidente della provincia, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per uno dei candidati al consiglio provinciale ad esso collegato, tracciando anche un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di consigliere provinciale corrispondente al contrassegno votato, sia al candidato alla carica di presidente della provincia;
• per un candidato alla carica di presidente della provincia, tracciando un segno sul relativo rettangolo; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di presidente della provincia.

Per le elezioni provinciali non è ammesso il “voto disgiunto”, cioè il voto per un presidente della provincia di un gruppo o di un gruppo di liste e per un candidato al consiglio provinciale di un altro gruppo o gruppo di liste.
Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.

3)ELEZIONI COMUNALI (scheda azzurra)
La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato.
L’elettore può votare:
• per una delle liste tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato;
• per un candidato a sindaco tracciando un segno sul relativo rettangolo, non scegliendo alcuna lista collegata; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di sindaco;
• per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste collegate tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata;
• per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una lista non collegata tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata (cd. “voto disgiunto”).

L’elettore potrà altresì manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale, segnando, sull’apposita riga stampata sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) del candidato preferito appartenente alla lista prescelta.
Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.

per vedere la lista completa di tutti i candidati sindaco più i consiglieri comunali clicca su listacomune

4)ELEZIONI ALLE CIRCOSCRIZIONI (scheda rosa)
La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di presidente di circoscrizione, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato.
Il meccanismo di voto alle circoscrizioni è identico a quello sopra definito per le ELEZIONI COMUNALI.
L’elettore potrà altresì manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere di circoscrizione, segnando, sull’apposita riga stampata sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome) del candidato preferito appartenente alla lista prescelta.

per vedere la lista completa di tutti i candidati alla V circoscrizione Japigia-Torre a mare clicca su listacircoscrizioni

Comitato San Giorgio Bari
http://comitatosangiorgiomare.myblog.it/